Passa ai contenuti principali

Tra fiaba e realtà

Riflessioni che restano sempre attuali!
Eh si, è finito da parecchio il classico spirito natalizio televisivo... Ma avete notato come vengano propinati film in cui Lei si innamora di Lui, e di come la storia porti poi i due ad unirsi?!
Il destino! (Serendipity), il fato, o semplicemente così doveva andare! Perfetto.
Ma cavolo, nessuno si mette mai nei panni della/o sfigata/sfigato di turno?! Che puntualmente vengono lasciati a ridosso dell'altare! Per loro come può essere un lieto fine? Un trionfo dello spirito natalizio?!? Tanto più dell'Amore! E il bello è che tutti vorremmo far parte di quella percentuale per cui lasci lo sfigato con cui stavi da una vita, ti trovi un Patrick Dempsey o una Eva Mendes, ti sposi, e vivrai felice e contento....

...E poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata!

Un piccolo appunto per tutte le donne all'ascolto. 
Crescete con il sogno del fantomatico principe azzurro... Fin da piccole con i classici Disney, la bella addormentata, svegliata dal suo principe; la bella e la sua bestia; Biancaneve e i sette nani e il principe azzurro; perfino Fiona trova il suo principe azzurro-verdognolo Shrek!

Beh ricordatevi anche che:

Cenerentola ha cominciato pulendo cessi!!!! 
Ce n'è di strada mie care!

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…