Passa ai contenuti principali

Sinusite

Per sinusite si intende un processo infiammatorio acuto o cronico (se dura da più di sei mesi) che colpisce uno o più seni paranasali.
Questi ultimi sono "cavità" scavate all'interno dello scheletro del cranio in comunicazione, mediante un complesso sistema di piccoli canalicoli, con le fosse nasali
(seni mascellari, frontali, etmoidali, sfenoidali).

In base all'agente infettivo responsabile (
eziologia), si distinguono:
  • Sinusiti batteriche
  • Sinusiti virali
  • Sinusiti micotiche (da funghi)
In base alla causa (patogenesi) si distinguono:
  • Cause nasali
  • Cause ematogene
  • Cause odontogene
  • Cause traumatiche
  • Cause barotraumatiche
Cause nasali
L'infezione si propaga ai seni paranasali attraverso il sistema di canalicoli che li collegano alle fosse nasali.
Il lume di queste strutture si riduce per l'infiammazione e si provoca un ristagno di secrezioni all'interno dei seni che successivamente si infettano.

La circostanza può accadere per :
  • infezioni nasali,
  • allergia
  • deviazione del setto nasale
  • ipertrofia dei turbinati
  • penetrazione di sostanze estranee nei seni
Cause ematogene
Trasmissione dei germi ai seni paranasali attraverso il sangue nel corso di malattie infettive di tipo:
virale (rinite, influenza, morbillo, varicella)
batterica (scarlattina)
Cause odontogene
Trasmissione dell'infezione ai seni mascellari in seguito a:
estrazioni dentarie
tecniche di endodonzia (devitalizzazione)
implantologia
Cause traumatiche
Conseguenza di traumatismi del massiccio facciale, con o senza fratture, in cui avviene un versamento di sangue all'interno delle cavità sinusali (emoseno), che succesivamente si infetta.
 
Cause barotraumatiche
Conseguenza di brusche variazioni di pressione cui sono esposte alcune categorie di lavoratori e sportivi (subacquei, aviatori, nuotatori, tuffatori). All'interno dei seni avviene un ristagno di secrezione che successivamente si infetta.
 
SINTOMATOLOGIA
In base alla durata dell'infezione si distinguono:

Forme acute: sono di origine virale e batterica colpiscono quasi sempre l'intero sistema delle cavità paranasali (pansinusite). In esse prevalgono i sintomi infettivi ad insorgenza brusca e con caratteristiche di estrema violenza: gravi dolori al cranio, blocco nasale con scolo di muco purulento e febbre.

Forme subacute e croniche: vengono di norma colpite solo alcune cavità sinusali e pertanto i sintomi, usualmente meno violenti, dipendono dal seno colpito.
Il paziente è frequentemente raffreddato, non respira bene , non percepisce perfettamente gli odori (ipoosmia) e presenta saltuari periodi di scolo di muco dal naso.
Prevalgono i dolori al cranio localizzati in sede:
  • sottoorbitaria (sotto gli occhi) nelle sinusiti mascellari;
  • alla radice del naso nelle sinusiti etmoidali;
  • alla fronte nelle sinusiti frontali;
  • dietro gli occhi e al vertice del capo nelle forme sfenoidali.
La diagnosi di sinusite si formula mediante:
  • Visita otorinolaringoiatrica con videoendoscopia nasale
  • Esame colturale del muco nasale con antibiogramma e ricerca miceti.
  • Radiografia del cranio.
  • Tomografia assiale computerizzata (T.C.) del massiccio facciale senza mezzo di contrasto.
  • Accertamenti allergologici

TERAPIA MEDICA
Terapia medica farmacologica
Terapia medica delle forme acute
La terapia delle forme acute è prevalentemente medica e si basa sull'utilizzo di antibiotici per 7-10 giorni (meglio se specifici in base ai risultati dell'esame colturale), di antiinfiammatori e di cortisone
(nei casi più gravi), di antiistaminci, di decongestionanti nasali (gocce), di terapia aerosolica con farmaci antibiotici, mucolitici e antiinfiammatori per uso topico eseguita con idonee apparecchiature.
 
Terapia medica delle forme croniche
Tac cranio normaleLa terapia delle forme croniche che non necessitano di soluzione chirurgica
si basa sull'utilizzo di: antibiotici, di immunostimolanti, di antiistaminici, di spray di corticosteroidi ad uso topico, di lavaggi nasali con soluzioni idrosaline, di terapie inalatorie con farmaci o acque termali eseguite con idonee apparecchiature.
 
 
Sinusite mascellare polipi nasali a destraTerapia Termale
Molto utile nelle forme croniche è una assidua terapia termale con aerosol sonici, irrigazioni nasali e inalazioni.
Per coloro che non possono recarsi ai centri termali è possibile anche eseguire le terapie termali a "domicilio" mediante apposite preparazioni di acque termali utilizzando idonei strumenti per irrigazioni nasali e aerosol.
 
 
Terapia Chirurgia
Gli interventi possono essere eseguiti per via endoscopica, all'interno delle fosse nasali, con l'utilizzo di strumenti a fibre ottiche (Functional Endoscopic Sinus Surgery) (F.E.S.S.) oppure con accesso esterno dalla parete anteriore del seno mascellare (intervento di Caldvel Luc).
Le due tecniche, che si eseguono in anestesia generale, possono essere combinate.

Nelle sinusiti etmoido-mascellari (le più frequenti) si ricostruisce una più ampia via di drenaggio per le secrezioni nasali creando una larga comunicazione attraverso la parete ossea tra naso e seno mascellare a livello della posizione fisiologica del canale di comunicazione esistente tra queste strutture (meato medio).

Contestualmente agli interventi specifici per la sinusite si devono eseguire anche tutti gli interventi necessari al ripristino della pervietà delle fosse nasali (settoplastica, turbinectomia o decongestione sottomucosa dei turbinati).

Così come nella terapia delle sinusiti croniche, negli esiti della chirurgia del naso e dei seni paranasali sono molto utili: la somministrazione di prodotti in spray per uso topico a base di cortisone, i lavaggi nasali, le terapie inalatorie e le terapie termali.

[ http://www.salus.it/orl/sinusite.asp ]

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…