Passa ai contenuti principali

OHOHOH... Giochiamo a centra la vecchia!

Ok. Ho preso una decisione. Ora per attuarla manca solo l'esaurimento nevrastenico che avanza. A cosa??
Al lancio della mela cotta!!
Spiego per punti. Mia nonna fracassa l'anima al prossimo. E' la missione assegnatale dallo Spirito Santo in questi suoi ultimi anni di vita (insomma l'immortalità terrena ancora non le appartiene, credo!). Non sto qui a spiegarvi il suo modus comportandi, perché non capireste; provare per credere! Come ho già detto in un altro post, è esperta in tortura psicologica e non solo. Comunque, alle 16,00 non ha voluto fare merenda con la tazza di latte e caffè; e ora alle 17,58 rompe l'anima a quella povera Tania (badante, che io non so come faccia a stare ancora qui!) dicendo che sta morendo dalla fame, che non ce la fa più, che deve mangiare, che cominciasse a prepararle la cena. E poi continua a ciarlare sul menù che esige, incurante delle quantità e della composizione che prediligerebbe più ricca di carboidrati, infatti mica ha il diabete a 300!!??!!
E visto che non la reggo proprio questi giorni (e non solo questi), sarà il caldo, sarà che son succube... Mi sta venendo il raptus di prendere le sue belle mele cotte a produzione settimanale (viene cotta una quantità industriale per settimana, così son già pronte e non rischia la morte per mancanza di cibo!) e tirargliele contro!!!! Magari non proprio addosso, ma per tutta la stanza!!!! Tanto con tutte quelle mele, mi sentirei come un cannone a raffica continua! Avoglia a munizioni! Scagliate con tutta la rabbia, guardarle fracassarsi sugli specchi dell'armadio... SPAM SPAM SPAM!!!! Pezzi di mela che schizzano come cervella colpite da una pallottola! Mi sento soddisfatto al solo pensarci..
Naturalmente, poi uscirei di casa a vagare senza meta per qualche ora, giusto il tempo che qualcuno pulisca, per poi tornare a casa ancora nervoso, e non incombere nelle petulenze familiari che chiedono spiegazioni per l'aberrante gesto...
Se qualcuno vuole prendermi in cura, gratuitamente, così per studiarmi, faccia pure.. Basta presentare apposita domanda per e-mail.

[teneresssss... Tania mi ha dato, in anticipo, 20 euro per il mio compleanno!!! e si dispiaceva perche le sembran pochi...]

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…