Passa ai contenuti principali

Tuffi nel passato. Tuffi nel domani.


E che dire; è stata una giornata impegnativa per molteplici aspetti...
Poi la sera, si guarda un po' fuori dalla finestra e capita di vedere la luna, così piena e luminosa.. quanti pensieri.
Capita anche di mettersi a letto, e di cominciare a pensare. E' come se rivivessi alcune cose successe durante il giorno quasi come se volessi memorizzarle e archiviarle prima di passare ad un altro giorno. E' una sensazione strana. Un'opera di selezione istantanea. E piano piano, tra un pensiero e l'altro cerco di deconcentrarmi e di perdere consapevolezza fino ad addormentarmi. 
La mattina dopo poi, mi torna in mente il modo in cui mi son addormentato, e quando non sogno, o comunque non lo ricordo, penso al fatto che magari avrei potuto non svegliarmi. Come sarebbe perdere così i sensi, nel sonno, e non riacquisirli? Cosa cambia in quell'istante consapevolezza-inconsapevolezza?

Non esiste né luogo né tempo
distanza non esiste
io sono gli uomini del passato canuti e saggi
io sono gli uomini del futuro smarriti e scaltri.
Io sono come tutti
io sono gli altri.

Comunque in settimana passerò a ritirare dopo quattro anni il diploma di maturità! hahahaha! altrimenti non mi faranno laureare! Intanto son passato al liceo oggi, e mi son fatto una chiacchierata con la vecchia bidella, Gloria, che spettegolata!!! Mi ha raccontanto di alcune love story tra personale, poi di qualche pensionamento e altre robe varie :P
Ah che impressione ritornare in quella scuola; i corridoi, le aule, le scale, e la palazzina A, ultimo piano, dove tutti stavamo affacciati al corrimano per vedere quanto ci mettevano a salire e cominciare la lezione!
Poi mi son fatto quattro ore e mezza di una conferenza-convegno di un gruppo di giovani ragazzi, provenienti da tutta europa su vari argomenti, con qualche intermezzo di alcuni esponenti politici (idv). Comunque tutto quel tempo a sentir parlare inglese...e capire anche qualcosa...mi ha sconvolto! ahhaha
Certo...stiamo proprio indietro cmq..

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…