Passa ai contenuti principali

Mia nonna: ex cia

Vi racconterò la storia di una grande torturatrice. Secondo me, in tempi non sospetti fu assoldata dalle più grandi agenzie segrete del pianeta e nessuno potè resistergli; almeno stando a quanto riportato dai più grandi manuali in questo tema. Come ha fatto questa donna ad acquisire cotanta fama? Quali trucchi userà per far crollare i poveri malcapitati?
Bhe posso rivelarvene solo alcuni naturalmente. Per cominciare diciamo che assillare le persone aiuta molto. Soprattutto quando si avvicina e tutta solare ti chiede: cosa vuoi per pranzo? questo o quello? Bene tu scegli questo, e lei ti continua ad assillare petulantemente, fino a quando non cedi e le dici allora fa quello, e via dicendo. Una domanda sorge sempre spontanea e non trova mai risposta: Ma che me lo chiede a fare???!!!!
Appena svuoti il piatto cibandoti voracemente, posi la forchetta di turno, e nello stesso preciso istante, lei ti chiede: hai finito? posso togliere il piatto? E te lo toglie, che tu abbia finito, o no. E ora si comincia col chiederti: cosa vuoi per cena? E riparte la tarantella di poco fa.
E un bel metodo, soprattutto se cominci ad usarlo fin da quando il tuo nemico è piccolo, ad esempio, sin da quando va alle elementari! Ha effetti miracolosi.
Un'altro metodo è costituito da stress psicologico dell'avvento della sua morte! Ogni secondo è buono per manifestare la sua sensazione di essere in procinto di lasciare questo mondo. Stalle vicino!Senti i suoi lamenti come fosse stata frustata, ferita e moribonda.
Questo stato comunque è dato da glicemia alta! Delira. E appena si sente meglio, si alza e mangia. Carne, pane, pasta; o anche tutto insieme. Te lo credo che poi stai....
Ormai è divenuta anche scassinatrice. Si insinua col su veicolo motorizzato (girello) tra gli antri della mia stanza e apre i cassetti in cui ormai bisogna tener ben nascoste cioccolate e altri dolciumi! Altrimenti sarebbero facile preda della nonna-bountykiller!
E che sarà mai direte voi... vi inviterei volentieri a provare!
vi do un'altra perla di studi distruttivi di equilibri psicofisici... Provate nel cuore della notte, verso le tre magari, ad entrare in camera del vostro acerrimo nemico, fare un attimo di rumore, quasi lieve, tanto per destarlo dal torpore, e avere la prontezza di accendere la luce nell'istante esatto in cui le sue palpebre si aprono lievemente!
Non hai il tempo di capire cosa succede che un'abbagliante luce ti pervade il cervello!!!! E l'adorabile vecchietta, astuta, sa già come giustificarsi: No, pensavo eri uscito; volevo vedere se c'eri; ti chiamavo e non rispondevi...
Vi assicuro le ho provate sulla mia pelle. E in camera mia il lampadario a 8 lampadine a risparmio energetico!

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…