Passa ai contenuti principali

Il misterioso caso del cercatore di tesori sul trenino express!

Et voilà! cominciamo a raccontare quest'avventura.
Come chi vive a Roma, dovrebbe sapere, c'è un trenino di metropolitana leggera che collega la periferia est della capitale con la stazione termini, con varie fermate. Una delle quali mi lascia vicino l'università, quindi praticamente lo prendo tutti i giorni. Le vetture sono un po' fatiscenti, obsolete e vecchie. Dire che alcune sono luride è un complimento! ahahha ma povero trenino mio! Almeno, il più delle volte funziona...
Che dire, se ne vedono di tutti i colori; chi facendo finta di nulla butta in terra giornali, succhi di frutta finiti, cartacce, e tutto ciò che non han la pazienza di tenere fin quando non arrivano ad un secchio. Italian style!
E che succede un bel giorno?!?! Il nostro crocodile dundee fratello di indiana jones... Me lo ritrovo davanti. Non è alto come immaginavo e ricordavo. E nemmeno il fisico è poi così aitante. Saranno gli anni di inattività che l'hanno lasciato un po' deteriorare. Insomma il tempo passa per tutti! Ma noto subito che non ha perso la sua vena esplorativa alla ricerca di preziose reliquie! Infatti segue una pista! Non posso crederci, sto seguendo il maestro nella sua arte. E secondo voi che starà mai facendo?
WOW Ha ficcato il dito indice nella sua narice sinistra e sta tentando di giungere al cervello nell'indifferenza totale di dove si trovi e di chi lo possa guardare!!!!!!!!!!!!!
Non contento, e la cosa mi schifa alquanto più del gesto in se, una volta placata la sua vena esplorativa, struscia due dita tra loro, per togliere eventuali residui degli scavi, e poi tranquillo stringe l'apposito palo di sostegno della vettura! Cazzocheschifo!!!!! Questo è il motivo per cui evito di sorreggermi! 
E voi avete mai assistito a missioni esplorative, magari incontrando lara croft?? 
E mi raccomando piccoli esploratori semi-nani da miniera... scavate alla ricerca di diamanti e pepite d'oro!!

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…