Passa ai contenuti principali

Vorrei le pupille di un altro colore


Starsene li, davanti a quel piccolo specchio e per caso cominciare a fissare quell'occhio. Cavolo, ma è reale quel che credo di vedere? Sembra possibile che quell'iride marroncino si muova? Come posso accorgermi così velocemente che si sta dilatando e restringendo a ritmo delle mie pulsazioni...

rimango imperterrito a guardarlo. Sembra così affascinante e così turbante. Le pupille che si dilatano mi spaventano quasi. Sembro quasi cosciente nel mio stato catatonico. Come se mi trovassi da fuori a guardarmi; a studiarmi e a cercare di capirmi. Pongo inconsciamente domande, perchè da sveglio non saprei che dire e che rispondere. L'importante è avere qualcosa da chiedere no?.
Sguardo che si perde in quell'oscurità che chissà dove porta. E' possibile entrarvi? e cosa ne scoprirei...
e se come accade nell'universo, fossero soltanto piccoli buchi neri che attirano e annullano tutto per portarti in un'altra dimensione? Entrare in un occhio, per perdersi. Venirci catapultati perdendo contato con l'altra parte. Cosa ne resta? Credo un bel tuffo nell'ignoto. O nel noto di me stesso.
Divago, mi perdo in me stesso. La cosa che mi riesce meglio.
e.... pensare che dovrei studiare :D!
Scegli un colore! Oggi mi ispira il viola.

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Le belle fate

Le belle fate
dove saranno andate?
Non se ne sente più parlare.
Io dico che sono scappate:
si nascondono in fondo al mare,
oppure sono in viaggio per la luna
in cerca di fortuna.
Ma che cosa potevano fare?
Erano disoccupate!
Nessuno le voleva ascoltare.
Tutto il giorno se ne stavano imbronciate
nel castello diroccato ad aspettare
che qualcuno le mandasse a chiamare.
Girava il mondo per loro
in cerca di lavoro
una streghina piccina picciò,
col naso a becco,
magra come uno stecco,
che tremava di freddo perché
era senza paltò.
E quando la vedevano arrivare
si facevano tutte a domandare:
“Ebbene com’è andata?
Avremo un impiego?”
“Lasciatemi, vi prego,
lasciatemi respirare,
sono tutta affannata…”
“Ma com’è andata?”
“Male!
C’è una crisi generale.
Ho salito tutte le scale,
bussato a tutti i portoni,
mendicato sui bastioni,
e dappertutto mi hanno risposto
che per noi non c’è posto.
Vi dico, una cosa seria,
altro che storie!
Fame, freddo, miseria…
La gente ha un sacco di guai:
i debiti, le tas…