Passa ai contenuti principali

Vorrei le pupille di un altro colore


Starsene li, davanti a quel piccolo specchio e per caso cominciare a fissare quell'occhio. Cavolo, ma è reale quel che credo di vedere? Sembra possibile che quell'iride marroncino si muova? Come posso accorgermi così velocemente che si sta dilatando e restringendo a ritmo delle mie pulsazioni...

rimango imperterrito a guardarlo. Sembra così affascinante e così turbante. Le pupille che si dilatano mi spaventano quasi. Sembro quasi cosciente nel mio stato catatonico. Come se mi trovassi da fuori a guardarmi; a studiarmi e a cercare di capirmi. Pongo inconsciamente domande, perchè da sveglio non saprei che dire e che rispondere. L'importante è avere qualcosa da chiedere no?.
Sguardo che si perde in quell'oscurità che chissà dove porta. E' possibile entrarvi? e cosa ne scoprirei...
e se come accade nell'universo, fossero soltanto piccoli buchi neri che attirano e annullano tutto per portarti in un'altra dimensione? Entrare in un occhio, per perdersi. Venirci catapultati perdendo contato con l'altra parte. Cosa ne resta? Credo un bel tuffo nell'ignoto. O nel noto di me stesso.
Divago, mi perdo in me stesso. La cosa che mi riesce meglio.
e.... pensare che dovrei studiare :D!
Scegli un colore! Oggi mi ispira il viola.

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…