Passa ai contenuti principali

Inconsistente inconsapevolezza di sè: fragilità mentali.



Leggo frasi, appelli; un po' di tutto. La giornata favorisce certe cose.
Resto un attimo interdetto a vedere però che si pensa alla morte come qualcosa di così lontano; alla fragilità umana così irreale. Sarà che tutti i giorni ci sentiamo invincibili. Pensiamo di poter controllare qualsiasi cosa, fregandocene per lo più delle conseguenze o di ciò che sconsideratamente facciamo. Benché le cose capitino tutti i giorni, ce ne accorgiamo e le sentiamo, solo quando la nostra pelle ne mostra le ferite e gli occhi le lacrime.
Non siamo immortali. Ci sono persone che andando ad esempio a lavoro, perdono la vita o su un cantiere, o per strada, ecc; Spesso si sente dire che non doveva accadere. Che non è giusto. Non se lo meritava.
La morte non la meriti. Arriva e basta. Non ci puoi fare nulla. Accettala e continua quel che ti resta della tua vita. Non potrai cambiare mai quello che è successo. Piangi se ti fa sentire meglio. Ma rassegnati.
Posso solo chiederti di ricordare che non c'è un momento buono o giusto o meritato per morire. Succede.
Il fatto che avvenga per motivi e cause che non prendi in considerazione, mette solo in luce la limitata visione di te stesso e di ciò che ti circonda. Se molti stessero attenti alla guida, o qualcuno rispettasse le norme di sicurezza sul lavoro, ma questo principalmente da noi, o se si facesse qualcosa per fermare i milioni di morti al giorno per fame, sete e malattie... Il mondo sarebbe migliore. La morte comunque rimarrebbe.
Perderai i legami con questa terra; ti sentirai perso; dovrai trovare un modo per reagire, o sprofonderai in un abisso che ti inghiottirà; e non prendertela poi se chi ti sta intorno sentirà questa pressione opprimente e non vorrà perire con te.

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Le belle fate

Le belle fate
dove saranno andate?
Non se ne sente più parlare.
Io dico che sono scappate:
si nascondono in fondo al mare,
oppure sono in viaggio per la luna
in cerca di fortuna.
Ma che cosa potevano fare?
Erano disoccupate!
Nessuno le voleva ascoltare.
Tutto il giorno se ne stavano imbronciate
nel castello diroccato ad aspettare
che qualcuno le mandasse a chiamare.
Girava il mondo per loro
in cerca di lavoro
una streghina piccina picciò,
col naso a becco,
magra come uno stecco,
che tremava di freddo perché
era senza paltò.
E quando la vedevano arrivare
si facevano tutte a domandare:
“Ebbene com’è andata?
Avremo un impiego?”
“Lasciatemi, vi prego,
lasciatemi respirare,
sono tutta affannata…”
“Ma com’è andata?”
“Male!
C’è una crisi generale.
Ho salito tutte le scale,
bussato a tutti i portoni,
mendicato sui bastioni,
e dappertutto mi hanno risposto
che per noi non c’è posto.
Vi dico, una cosa seria,
altro che storie!
Fame, freddo, miseria…
La gente ha un sacco di guai:
i debiti, le tas…