Passa ai contenuti principali

Sul trenino, con lo sguardo perso nel vuoto; prima o poi finisco al capolinea co sto dormì a occhi aperti...

Alcune volte mi è capitato, rispondendo a qualche commento, di parlare di ottimismo; e il più delle volte l'ho fatto in modo ironico. Sento risposte inneggianti all'ottimismo...così pubblicizzate...
Io, credo che l'ottimismo sia del tutto diverso da quello che le persone dicono, tanto più la televisione.
Essere nella merda, come qui siamo, e pensare che prima o poi andrà meglio; o che c'è chi sta peggio; o che ce la caveremo, basta volerlo... Questo non è ottimismo. Questo è essere idioti-coglioni-stupidi-deficienti. Vuol dire non rendersi conto di quello che hai davanti. Sottovalutarlo. E ritrovarti con meno di niente in mano. 
Pensare ai lavoratori alitalia, o a quelli fiat, o a milioni di altri poveracci cassintegrati, o senza più un lavoro, spiegatelo a loro di essere ottimisti. Verso cosa? Dicendogli domani andrà meglio? credici! E oltretutto, che ti mangi fino a domani? Beh contenti voi. Rimanete in silenzio, che vi vorranno ancora più bene.
Ottimismo vuol dire affrontare una crisi con politiche e scelte forti, di drastico rinnovamento. Inevitabilmente guardo alla nuova politica di Obama, e alla manovra economica che ha messo in atto. E noi? la nostra politica Anti-crisi è: cassaintegrazione, centrali nucleari, ponte sullo stretto, caccia ai minorenni, incentivi all'edilizia, distruzione del patrimonio artistico.... minchiate, e solo minchiate. Ci aspettano momenti tragici, ma voi siate ottusi e ottimisti.
Mi piacerebbe avere una possibilità per cambiare davvero le cose...ma magari, a voi tutti, piace così...
Allora rimanete nelle vostre tane..sorridenti e coccolosi.

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…