Passa ai contenuti principali

Perdersi nel tempo.

Ok. Ho scoperto che parte dei miei problemi, non derivano da me medesimo! Lo so, sembra incredibile, ma invece è proprio così!


Ogni tanto mi capita, e magari non solo a me, di trovarmi in un determinato giorno e essere convinto di essere qualche giorno avanti o anche indietro...

Mamma mia quanto mi è capitato ultimamente!!!!! Certi sbagli assurdi! E cosa succede? Faccio ricorso a un calendario che di solito ho sempre con me, quello del cellulare!
Precisamente guardo giorno e ora sullo schermo. Bhe mi ritrovavo a pensare che il 30 scade il pagamento della seconda rata universitaria, quindi programmavo per andarla a pagare entro tale data. E avevo notato che il trenta era proprio questo lunedi; diciamo che fin qui c'arrivavo. Poco fa noto che invece il mio cellulare segna, per oggi,  la data di domenica 28!!! In un secondo mi son venute meno milioni e milioni di certezze. Pensavo di potermela prendere comoda con un altro giorno a disposizione! E invece, tra dubbi e perplessità, mi collego a un sito e controllo la data! hahahah
Altra amara scoperta, avevo ragione. Domani è 30. Cavolo...
Però vedete, non sono solo io a uscir fuori di testa; c'è una strana cospirazione cosmica...
Ora, credo di dover modificare la data al cel, prima di fare qualche cazzata!

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Le belle fate

Le belle fate
dove saranno andate?
Non se ne sente più parlare.
Io dico che sono scappate:
si nascondono in fondo al mare,
oppure sono in viaggio per la luna
in cerca di fortuna.
Ma che cosa potevano fare?
Erano disoccupate!
Nessuno le voleva ascoltare.
Tutto il giorno se ne stavano imbronciate
nel castello diroccato ad aspettare
che qualcuno le mandasse a chiamare.
Girava il mondo per loro
in cerca di lavoro
una streghina piccina picciò,
col naso a becco,
magra come uno stecco,
che tremava di freddo perché
era senza paltò.
E quando la vedevano arrivare
si facevano tutte a domandare:
“Ebbene com’è andata?
Avremo un impiego?”
“Lasciatemi, vi prego,
lasciatemi respirare,
sono tutta affannata…”
“Ma com’è andata?”
“Male!
C’è una crisi generale.
Ho salito tutte le scale,
bussato a tutti i portoni,
mendicato sui bastioni,
e dappertutto mi hanno risposto
che per noi non c’è posto.
Vi dico, una cosa seria,
altro che storie!
Fame, freddo, miseria…
La gente ha un sacco di guai:
i debiti, le tas…