Passa ai contenuti principali

Dov'è la stele di rosetta dei miei pensieri...

Dormendo, alle volte abbiamo dei pensieri. Se ci piacciono, li chiamiamo sogni; altrimenti incubi.
Ma da cosa dipende? Voglio dire, di solito, campi fioriti, persone che corrono, ridono, giocano e si divertono è un prototipo di sogno. Ma se, io mi esaltassi vedendo la sofferenza altrui?Se mi rende sereno errare per cimiteri a guardar lacrime? Allora se avessi fatto un pensiero nel sonno, carico di questi elementi, lo definirei sogno anch'esso, e non incubo.
Per costruire una prospettiva centrale è necessario un punto di fuga, e due fuochi; e una linea d'orizzonte.
Ogni elemento rende il risultato variabile. Quindi, cosa sogni?


Analogamente, quando parlo, difficilmente chi ascolta, mi capirà. Così come chi legge. Infatti, chi si relaziona con un'altra persona, lo fa in base alle proprie categorie dell'intelletto. Quindi se io provo a spiegarti una determinata scelta che farei, e tu controbatti, lo fai in base a tuoi personali criteri. Non prendi in considerazione i miei. Questo è il primo grosso sbaglio, col quale mostri di non comprendere. Secondo, spari consigli e alternative, non pensando che magari le abbia già vagliate e scartate...

Non puoi partire dalla conclusione di un ragionamento e risalirne alle ragioni che la provocano; principalmente perché non ci riesco nemmeno io con me stesso. Ma qui sto già prendendo in considerazione l'ipotesi, remota, che comprenderai. Il che è quasi impossibile. Perché continuerai ad aggrapparti alla tua stupida e inutile logica che non ha nulla a che fare con me. Insisterai, ancora. E ancora. Testardamente. Perdendo di vista i cardini del mio discorso, concentrandoti solo suoi tuoi egoismi psicologici.
Quindi non meravigliarti se d'improvviso, evitando tutto questo, ti risponderò che hai ragione, ecc. Ma alla fine ti ignorerò. Per arrivar fino a che punto? Le possibilità della mente umana sono infinite. E sarà sogno o incubo? Distingui. 

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…