Passa ai contenuti principali

manipolare un sogno

AAAAA ho appena sterminato una zanzara!!! ma si può?! di già?!?! mi piace l'inverno solo perchè la notte posso dormire senza quel fastidioso ronzio che mi fa diventare isterico!!!e invece, sono già qua? cazzo, certo quella palude che s'è fatta dopo le piogge di questo periodo dietro casa, non aiuta, ma cazzo no!!!!!! consigli?
A parte questo, approfittiamone per scrivere qualcosa di sensato, prima che perda sangue e lucidità...
Noto anch'io che per certi versi la febbre mi giova; non so, sarà un maggior grado di comprensione della mia testa, o semplicemente l'aver il tempo per non far nulla, in cui oziare necessariamente perché non riesco a far nient altro. Comunque, questi giorni mi ricordo qualche sogno che ho fatto, anche se ormai me li sto già scordando, ma hanno resistito più del solito...
Ho notato che la notte, ad un certo punto divento cosciente, e che quando il sogno prende una via tragica di morte o qualche catastrofe verso di me, acquisto improvvisa consapevolezza e tendo a modificare il sogno. E' come se vedendo ad esempio quel tizio che mi spara, prendo in considerazione le varie ipotesi, e poi dico: ma no dai, mi ha preso di striscio, che culo eh!
E poi penso a dove andare a fare la denuncia ai carabinieri per i documenti che m'ha rubato...
Ma cavolo, ormai nemmeno più i sogni hanno lucine e lieti fine. Anzi ormai me li giostro quasi come mi pare. Se non mi piacciono li modifico. Non per forza nel modo più bello, ma in quello più verosimile o possibile. 
Invece altre volte, so di essere sveglio, ma continuo a pensare a quel sogno, come se stessi ancora dormendo, cosicchè mi riaddormento e lo riprendo da dov'era rimasto. In ogni caso la quasi totalità delle volte, non mi ricordo mai cosa ho sognato. Che sensazione dà sognare? Di solito mi sveglio sempre la mattina di corsa, e di corsa mi preparo per andare all'università.... Cambierebbe poi qualcosa?!
Ormai i sogni son diventati come i disegnini che facevo all'asilo, buffi, colorati, a volte con trame prettamente noir, un pò romantici (nel senso Ottocentesco del termine) o decadenti e senza senso...

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…