Passa ai contenuti principali

I buchi del formaggio sono frutto di batteri che rilasciano anidride carbonica. I vuoti umani saran mica causati da scoregge?

Un momento come tanti, un giorno come tutti; mentre vagavo, sentivo un profumo. Un odore mai sentito, eppure da sempre cercato, immaginato, sentito. Da dove viene? Non riesco a rendermene conto. Sembra ovunque.Ma cos'è? Ah ecco, viene da li; da quell'angolo che sembra putrido come una ferita infetta.
Perchè non riesco a far altro che andargli incontro? Mi fa pensare a tutto ciò che ho sempre cercato. Che avrei sempre voluto. Esco; mi apro al mondo, e tento di raggiungerlo.
Ma il mondo non sopporterà questo mio gesto. Si ribellerà. Interpreterà il mio come un gesto di sfida; di sovvertimento dell'ordinaria monotonia. Come uno spiraglio per uscire da uno schifo onnipresente e..
E non riuscirò a raggiungerlo. No, non era per me. Eppure mi sarebbe bastato un pezzettino soltanto di quella meraviglia. Di quell'essenza divina. E persi la vita cercando quella felicità.


[ps. non dite meglio perderla cercando di raggiungerla, che non averci nemmeno provato ecc... odio le solite frasi fatte scontatissime, vabè che ci son i saldi, ma evitate, cordialmente :P ]

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…