Passa ai contenuti principali

Il nostro futuro è radioattivo

Il parlamento italiano ha approvato il 30 ottobre 2008 una modifica al ddl 1441 del 5 agosto 2008. Il governo avoca a se qualsiasi decisione in materia di nucleare, con la possibilità di superare il parere di Comuni, Regioni e Province, nonchè la totale esclusione di qualsiasi forma di informazione e partecipazione dei cittadini in deroga a tutte le legislazioni vigenti in materia di urbanistica e ambiente, per scegliere i siti e autorizzare la costruzione di impianti nucleari e di raccolta di rifiuti nucleari precedenti e futuri. La delega consente che i siti di produzione o dismessi o deposti di scorie, possano essere dichiarati aree di interesse strategico nazionale, soggette a speciali forme di vigilanza e protezione e, quindi, oscurati alle richieste di informatica da parte delle popolazioni.
Infine, il testo prevede l'equiparazione dell'energia nucleare alle energie rinnovabili ponendolo come fonte da privilegiare rispetto alle altre fonti.
Adesso, cari concittadini, potete vivere al sicuro con i militari in strada, crescere i vostri figli e portarli al parco e non saprete mai che li sotto ci saranno tonnellate di rifiuti tossici!
In più saremo la discarica usa di 1000 tonnellate di rifiuti già pronti ad arrivare...
E voi spenderete le vostre tasse per questo...

[ ddl 1441-ter art.15, http://www.camera.it/_dati/leg16/lavori/schedela/apriTelecomando_wai.asp?codice=16PDL0008700 ]

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Le belle fate

Le belle fate
dove saranno andate?
Non se ne sente più parlare.
Io dico che sono scappate:
si nascondono in fondo al mare,
oppure sono in viaggio per la luna
in cerca di fortuna.
Ma che cosa potevano fare?
Erano disoccupate!
Nessuno le voleva ascoltare.
Tutto il giorno se ne stavano imbronciate
nel castello diroccato ad aspettare
che qualcuno le mandasse a chiamare.
Girava il mondo per loro
in cerca di lavoro
una streghina piccina picciò,
col naso a becco,
magra come uno stecco,
che tremava di freddo perché
era senza paltò.
E quando la vedevano arrivare
si facevano tutte a domandare:
“Ebbene com’è andata?
Avremo un impiego?”
“Lasciatemi, vi prego,
lasciatemi respirare,
sono tutta affannata…”
“Ma com’è andata?”
“Male!
C’è una crisi generale.
Ho salito tutte le scale,
bussato a tutti i portoni,
mendicato sui bastioni,
e dappertutto mi hanno risposto
che per noi non c’è posto.
Vi dico, una cosa seria,
altro che storie!
Fame, freddo, miseria…
La gente ha un sacco di guai:
i debiti, le tas…