Passa ai contenuti principali

Annegando...

Rifletti sul tuo respiro; si ti sembra assurdo, senti viva l'aria che dal naso arriva fin nei polmoni. 
Adesso immagina due tubicini trasparenti, simili a cannucce di coca-cola.
E infine...prova ad immaginarti circondato d'acqua, sospeso; e piano piano vieni calato al suo interno.
Ora sei completamente immerso nell'acuqa. Cosa pensi? oddio, devo trattenere il respiro! fin quando?
E se lasciasi che questo fluido mi penetri nel corpo?posso respirarla?
Ti senti scoppiare il petto, non resisti più. 
Ritornando a quelle cannucce, immagina che esse siano le tue narici, e ora l'acqua sta entrando dentro di esse. Cosa senti? piano piano, ogni secondo, un centimetro del tuo corpo si riempie di una goccia d'acqua in più. E tu la senti, ti pervade, la respiri, senti che ti strozza, che ti colma e ti fa mancare davvero il fiato, e più tenti di respirare, piu senti cemento dentro di te; la tua bocca si apre e la tua testa ti fa impazire con ragionamenti inutili, facendoti passare la vita davanti... o solamente gli ultimi istanti che avevi intorno.
L'unica cosa che la tua mente ripete spasmodicamente, sfiorando l'isteria e la pazzia è: non voglio morire!
Infine..ti lasci sprofondare nelle viscere della terra, lasciando decomporre te stesso tra le onde del mare...

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…