Passa ai contenuti principali

Vi vedo così affannati a cercar di sapere chi sono gli altri e le cose come sono, quasi che gli altri e le cose per se stessi fossero così o così.

"Non c'e' da scandalizzarsi se le nostre imprese verranno aiutate, ove necessario, anche se non so ancora come". Lo ha detto Berlusconi, al termine del Consiglio europeo a Bruxelles, parlando della situazione nel settore automobilistico, ricordando che "gli Stati Uniti fanno interventi massicci per l'industria dell'auto".
Ma aiuto di stato nell'economia... non è un qualcosa che tende verso il socialismo?comunismo?
Un malato di rosso liberalista, libero mercato, "libera concorrenza" come fa a dire certe cose?
Bhe perche tanto alla fine..per qualcuno l'importante è che noi ce lo prendiamo nel sedere e paghiamo. E loro incassano!!! Questo è sfruttamento!

Novità proprio! gli altri speculano e noi comuni mortali paghiamo i loro fallimenti amaramente. E' così in ogni campo.
E ora le università sono in rivolta! L'intero paese è in rivolta. Milioni di norme distruttive. Terribili! Fatte da persone che nemmeno pensano! Non ultima quelladi dividere gli stranieri in aule e corsi appositi che in un momento in cui si tagliano drasticamente i fondi alla scuola, comporta una spesa attuativa molto rilevante.

Il petrolio è arrivato a 70 dollari al barile e alla pompa non scende di un centesimo... PERCHE'?????

Si tolgono frequenze alla rai per permettere a europa7 di trasmettere lasciando tre reti a mafiaset e eludendo le sentenze di inimmaginabili tribunali italiani e europei.
Non ci sono i soldi per far nulla! dall'università, alla sanità. all'economia, alle ferrovie..all'alitalia, o quello che ne rimane e ne rimarrà.. e noi, a pochi giorni dalla fine delle trasmissioni in chiaro in sardegna, continuiamo a proporre finanziamenti agevolati, incentivi per coloro che acquistano il bellissimo, fantastico, propagandistico digitale terrestre...

Sti soldi pe le stronzare di qualcuno si trovano...ma com'è??
In più troviamo uno strano partito che propone un do ut des per sbloccare le nomine di consulta e vigilanza rai: uno a te e uno a me? ma che discorsi sono?!!!!!! se si devono eleggere in un determinato modo, vuol dire che serve a garantire lo stato e noi cittandini da loro!!! noi dobbiamo essere tutelati!!!!
Siamo sempre più inutilmente bestie pascolanti in liquami radioattivi, felici e contenti, e così stupidi...

Post popolari in questo blog

Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei

E' importante lasciare che certe cose se ne vadano. Si liberino. Si distacchino. Gli uomini hanno bisogno di comprendere che nessuno sta giocando con carte truccate: a volte, si vince; a volte, si perde. Non aspettarti che qualcuno ti restituisca qualcosa; non aspettarti che riconoscano i tuoi sforzi, che scoprano il tuo genio, che capiscano il tuo amore. Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia: semplicemente perche quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta, cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere. Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei.

P. Coelho

Io e l'alzheimer

Anche questa mattina mi son svegliato. E i ricordi son sempre un po' più vaghi, ma non me ne curo. Per me è tutto normale, non me ne rendo conto.  Sono qui, insieme ad altri vecchi, perché mi hanno detto che devo fare delle analisi, dei controlli e qui possono seguirmi meglio, per ora. A chi mi ha portato qui, i miei figli, si stringeva il cuore in gola in quel momento, lo riuscivo a percepire. Anche a me l'aspettativa non piaceva e incoraggiava; chiedevo sempre fino a quando devo stare. E le risposte erano sempre: ora vediamo. Il tempo di fare quelle analisi li, poi quelle. E vediamo che dicono... Quanti problemi che creo a chi mi sta intorno. E io non me ne accorgo, non lo so; me ne dimentico. La mattina mi vestono, mi aiutano a lavare e poi mi metto a star dietro a quell'infermiera. La seguo così e perchè altrimenti non so che fare. E come fosse un mio punto di riferimento in questo inferno felice; dove la follia umana non ti fa più percepire quello che sei; dove i ricordi…