Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2008

Se c'è un peccato contro la vita, è forse non tanto disperarne, quanto sperare in un'altra vita, e sottrarsi all'implacabile grandezza di questa

Gioia del sogno,
che mai uguagliò
nessuna gioia reale!
- E che triste gioia
quotidiana questa
a cui ci adattiamo, dimenticando
l'altra, l'altra, l'altra;
che sa; ogni giorno, di non essere più che
vano seme del fiore del sogno!

vedere ciò che gli altri non sanno cogliere

Stregatto: Io possiedo l'universale consapevolezza per definire ciò che è bello, da ciò che non lo è. Pincopanco & Pancopinco: Si, ma non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace! Stregatto: si ma è anche vero che: ogni scarrafone è bell’a mamma soia!!!

the rocker

Riflettendo.. ma quanto ce piace da nun sapè le cose...

Che strana favola quella del cambiamento climatico... Artefici del nostro destino: L'estinzione

Lo scioglimento dei ghiacci nell'Artico sta liberando nell'atmosfera milioni di tonnellate di metano che si trovano sotto il fondo marino. Il metano è assai più potente dell'anidride carbonica (circa 20 volte) nel provocare il riscaldamento globale.

Il metano, normalmente imprigionato dal fondo marino ghiacciato, fuoriesce attraverso "camini" o piccole aperture determinate dallo scioglimento del ghiaccio in superficie.

Orjan Gustafsson, dell'università di Stoccolma, che si trova sulla nave scientifica russa Jacob Smirnitskyi, ha detto all'Indipendent: «Ieri per la prima volta abbiamo visto un campo dove il rilascio era così intenso che il metano non aveva tempo di sciogliersi in acqua ma arrivava in superficie sotto forma di bolle». Secondo il giornale, l'equipe di scienziati che ha navigato lungo l'intera costa settentrionale della Russia ha rilevato concentrazioni estremamente alte (a volte 100 volte superiori ai livelli normali) di metano in div…

ossessivamente perso e disperso

Come posso ritrovare la mia pace
se il ristoro del sonno mi è negato?
Se l'affanno del giorno non riposa nella notte
ma giorno da notte è oppresso e notte da giorno?
Ed entrambi, anche se l'un l'altro ostili,
d'accordo si dan mano solo per torturarmi
l'uno con la fatica, l'altra con l'angoscia
di esser da te lontano, sempre più lontano.
Per cattivarmi il giorno gli dico che sei luce
e lo abbellisci se nubi oscurano il suo cielo:
così pur blandisco la cupa notte dicendo
che tu inargenti la sera se non brillano stelle.
Ma il giorno ogni giorno prolunga le mie pene
e la notte ogni notte fa il mio dolor più greve.

Quattro zampe buono, due zampe cattivo

Bella era giovane e anche carina
con occhi azzurri e capelli biondi,
povera Bella!
Il passo era lieve e il cuore contento
ma di giudizio ne aveva poco.
Così si diede come una moglie
a un traditore duro e cattivo.

Bella era giovane, e non lo sapeva
che il mondo è pieno di traditori,
povera Bella!
Disse: " Quest'uomo farà il suo dovere,
mi sposerà perché è giusto così";
ed era piena d'amore e fiducia
in un traditore duro e cattivo.

Andò da lui; ma lo sporco vigliacco
fatti i bagagli se n'era scappato,
povera Bella!
E a casa poi la padrona le disse:
"Via, che puttane qua dentro non voglio. "
Quante amarezze soffrì l'infelice
per un traditore duro e cattivo.

Tutta la notte vagò sulla neve,
quanto soffrì nessuno può dirlo,
povera Bella!
E quando rossa spuntò l'aurora,
morta era ahimé la povera Bella,
uccisa ancora in giovane età
da un traditore duro e cattivo.

E così dite quel che volete,
quand'uomo pecca deve soffrir…

ad una maggiore altezza con bandiere spiegate abbiamo raggiunto le gelide cime di quel mondo sognato

Allora, pensi di saper distinguere
il paradiso dall'inferno?
I cieli azzurri dal dolore?
Sai distinguere un campo verde
da una fredda rotaia d'acciaio?
Un sorriso da un pretesto?
Pensi di saperli distinguere?
E ti hanno portata a barattare
i tuoi eroi fantasmi?
Ceneri calde con gli alberi?
Aria calda con brezza fresca?
Un caldo benessere con un cambiamento?
e hai scambiato un ruolo di comparsa nella guerra
con il ruolo di protagonista
in una battaglia?
Come vorrei, come vorrei che fossi qui
Siamo solo due anime sperdute
Che nuotano in una boccia di pesci
Anno dopo anno
Corriamo sullo stesso vecchio terreno
E cosa abbiamo trovato?
Le solite vecchie paure
Vorrei che fossi qui

La grande intesa tra me e l'universo è sempre stata un mistero

Uomini uomini del mio passato
che avete la misura del dovere
e il senso collettivo dell'amore
io non pretendo di sembrarvi amico
mi piace immaginare
la forza di un culto così antico
e questa strada non sarebbe disperata
se in ogni uomo ci fosse un po' della mia vita
ma piano piano il mio destino
é andare sempre più verso me stesso
e non trovar nessuno.
Uomini
uomini del mio presente
non mi consola l'abitudine
a questa mia forzata solitudine
io non pretendo il mondo intero
vorrei soltanto un luogo un posto più sincero
dove magari un giorno molto presto
io finalmente possa dire questo è il mio posto
dove rinasca non so come e quando
il senso di uno sforzo collettivo per ritrovare il mondo.

...e la paura ti attanaglia la gola

Ho quasi paura, in verità, tanto sento la mia vita allacciata

al pensiero radioso
che l'anima mi ha preso l'altra estate,

tanto la tua sempre cara immagine
abita in questo cuore tutto tuo,

questo mio cuore soltanto bramoso
di amarti e di piacerti!
Io tremo - e tu perdona
la mia estrema franchezza -

se penso che un sorriso, una parola
da parte tua son legge ormai per me,

e che ti basterebbe un solo gesto,
una parola, un battito di palpebre,

per chiudere il mio essere nel lutto
della sua celeste illusione

Uomini e ipocrisia: due facce della stessa medaglia

Eccoli gli uomini. Vanno avanti e indietro per la strada: ognuno è un mascalzone e un delinquente per natura, un idiota. Ma se sapessero che io sono un omicida e ora cercassi di evitare la prigione, si infiammerebbero tutti di nobile sdegno


La morte degli amanti

Avremo letti intrisi di sentori
tenui, divani oscuri come avelli,
sulle mensole nuovi e strani fiori,
nati per noi sotto cieli più belli.

Consumandosi a gara, i nostri cuori
come due grandi torce due ruscelli
verseranno di vampe e di fulgori
nei nostri spiriti, specchi gemelli.

Una sera di rosa e azzurro mistico,
un lampo solo ci vedrà commisti,
lungo singhiozzo carico d'addio.

Un Angelo, schiudendo indi le porte,
a ravvivar verrà, gaudioso e pio,
gli specchi opachi e le due fiamme morte.

chiudere gli occhi per volare, fino a toccare il suolo e non rialzarsi più

Rifletto: il mondo è breve e l'angoscia - assoluta - molti soffrono. E con questo?
Rifletto: potremmo morire - la vitalità più intensa non può impedire il decadimento. E con questo?
Rifletto: un giorno in cielo in qualche modo sarà tutto uguale - qualche nuova equazione sarà data. E con questo?

chiunque vede, sente, tocca, ma pochi comprendono l'essenza di ogni piccolo gesto

"Sei la mia schiavitù sei la mia libertà sei la mia carne che brucia come la nuda carne delle notti d' estate sei la mia patria tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi tu, alta e vittoriosa sei la mia nostalgia di saperti inaccessibile nel momento stesso in cui ti afferro." "Il più bello dei mari è quello che non navigammo. Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto. I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti. E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto."

Scendendo di corsa le scale, inciampai e mi ruppi l'osso del collo

Vorrei avere un problema, cambiare città, modificare le abitudini, avere un affitto di un appartamento per qualche giorno; avere coinquilini. Trovare persone disponibili e gentili, semplici e solari. Condividere emozioni e racconti, tristezze, pensieri. Ricevere aiuto e stupirsi di piccoli gesti quotidiani che ti fanno sorridere. Sentire che piano piano scopro che ti mancano milioni di cose, ma che alcune persone riescono, di volta in volta, ad accontentare ed appianare le tue debolezze. Tutto questo non accade mai. O meglio, solo in qualche vecchio film, con vecchi protagonisti e vecchi sentimenti... Siamo sicuri che la nostra paura sia di cambiare? O semplicemente di rimaner esattamente ciò che siamo (o non siamo) immutabili nella nostra infelicità; nella speranza che ciò che vorremmo ci piova addosso o che qualcun altro ce lo porti bello e servito... Tristezze che col tempo, non affrontate, si trasformano nella nostra vita.

[...Siddharta...]

E tutto insieme, tutte le voci,
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male,
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita.


Ricordi

Perché ti amo, di notte son venuto da te
così impetuoso e titubante
e tu non mi potrai più dimenticare
l'anima tua son venuto a rubare.

Ora lei e' mia - del tutto mi appartiene
nel male e nel bene,
dal mio impetuoso e ardito amare
nessun angelo ti potrà salvare.

crescere

Ricordi da piccolo? Tutti che ti facevano i regali per il compleanno, tutte le feste..gli amici, e poi, il caos..
Oggi cosa è rimasto? Ormai nemmeno i parenti ti fanno più i regali..sei cresciuto, non ne hai più bisogno e magari non ne hanno nemmeno più la voglia.
Alla fine passa anche a te stesso persino la voglia di festeggiarlo. Ti basterebbe stare con quelle due tre persone che ritieni importanti.Non sempre è possibile..
Per quanto può servire.. il compleanno trova sempre il modo di festeggiarlo.. che siano 15 o 18 o 23 o 67... capitano sempre una volta sola..